Il progetto pilota: la palestra di Brescia

La palestra dell’Istituto Scolastico Don Milani a Brescia, nel quartiere di Villaggio Badia, è il primo edificio a beneficiare del guscio AdESA.

L’edificio, che sorge di fronte alla scuola primaria Don Milani, è stato realizzato nel 1981 ed ha la forma di un parallelepipedo a pianta rettangolare di 13,34 x 25,34 metri, alto 7,50 metri.

Al piano terra ospita lo spazio della palestra vera e propria e una serie di locali destinati a spogliatoi e centrale termica; al piano primo, raggiungibile grazie ad una scala interna e caratterizzato da una distribuzione a ballatoio, si trovano ulteriori locali per docce e deposito attrezzature.

La struttura dell’edificio è costituita da elementi prefabbricati in c.a.p., assemblati in opera e da plinti di fondazione in calcestruzzo di cemento armato, gettati in opera.

La Palestra dell’Istituto Don Milani (Brescia) prima della riqualificazione.

Come progetto pilota del sistema AdESA, il fabbricato è stato è stato rilevato con tecnologia laser-scanning, inserito in ambiente BIM e analizzato dal punto di vista strutturale ed energetico.

A seguito delle analisi, sono risultate chiare le criticità dell’edificio relative alla vulnerabilità sismica, le carenze dal punto di vista dell’efficienza energetica e il degrado estetico dello stesso.

Si è quindi provveduto alla progettazione dell’involucro esterno, realizzato con i pannelli prefabbricati AdESA, e delle relative connessioni tra pannelli ed alla struttura esistente.

Alla fase di progettazione è seguita la prefabbricazione del “guscio” in legno e il montaggio dei pannelli in cantiere, seguito poi dalla realizzazione del cappotto energetico e dal restyling architettonico.

Il progetto ha ridato così nuova vita alla palestra, rendendola sicura e confortevole per studenti e fruitori e, nel contempo, ridando valore architettonico al quartiere.

Questa esperienza dimostra come sia possibile reintegrare strutture che avevano perso la loro funzione collettiva in un ben più ampio contesto di qualità e relazione urbana, conferendo al progetto anche una validità sociale.